L’obesità potrebbe causare la rapida scomparsa degli anticorpi COVID: studio

Un'immagine rappresentativa di una persona con obesità.  — Unsplash/File
Un’immagine rappresentativa di una persona con obesità. — Unsplash/File

In una nuova scoperta allarmante, gli scienziati hanno affermato che l’obesità può anche provocare la perdita della risposta immunitaria ai virus in tempi relativamente brevi e potrebbe richiedere frequenti inoculazioni di dosi di richiamo.

Secondo i risultati della ricerca pubblicati sulla rivista Medicina della Naturail 55% delle persone gravemente obese non aveva più anticorpi per combattere il COVID dopo sei mesi dalla seconda dose.

Al contrario, il 12% delle persone sane ha perso i propri anticorpi protettivi allo stesso punto.

Gli esperti non erano sicuri della causa, ma stanno esaminando se gli ormoni elevati nelle persone obese interagiscono con le cellule immunitarie per prevenire la generazione di anticorpi a lungo termine.

C’erano preoccupazioni per il fatto che gli aghi corti dei vaccini non fossero in grado di penetrare maggiormente nelle persone obese. Tuttavia, è stato escluso dopo aver scoperto che i livelli di anticorpi sono inizialmente alti dopo il vaccino.

“Non credo che gli aghi troppo corti siano stati un fattore che ha contribuito alle nostre scoperte: abbiamo scoperto che i livelli di anticorpi innescati dal vaccino, poco dopo la vaccinazione, erano effettivamente più alti nelle persone con obesità”, ha affermato il dottor James Thaventhiran, del Medical Research Council di Cambridge ( MRC) Unità di Tossicologia.

Il dottor Thaventhiran ha anche aggiunto: “I nostri dati mostrano che la diminuzione della protezione si verifica più rapidamente con l’aumento del peso corporeo”.

Questa immagine mostra un'infermiera che prepara una siringa di vaccino COVID-19 in un centro di vaccinazione a Garlan, nella Francia occidentale.  — AFP/File
Questa immagine mostra un’infermiera che prepara una siringa di vaccino COVID-19 in un centro di vaccinazione a Garlan, nella Francia occidentale. — AFP/File

“Perché questo accade non è noto. Stiamo attivamente studiando se il cross-talk tra le cellule immunitarie e gli ormoni e altre molecole di segnalazione che sono elevate con l’obesità porti a una compromissione che impedisce la normale generazione di anticorpi”.

Durante il COVID-19, le persone obese avevano maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale, avevano bisogno di ventilatori e morivano a causa del virus.

La nuova ricerca ha suggerito che gli avvertimenti sulla protezione del vaccino potrebbero aver avuto un ruolo.

Nello studio, gli scienziati dell’Università di Edimburgo hanno monitorato la salute di 3,5 milioni di persone in Scozia che hanno ricevuto i vaccini Pfizer o AstraZeneca e hanno scoperto che le persone obese – un indice di massa corporea (BMI) superiore a 40 kg/m2 – avevano un rischio maggiore del 76% di gravità del virus rispetto a quelli con un BMI normale.

Hanno anche rivelato che le persone gravemente obese erano state ricoverate in ospedale e sono morte prima a causa di infezioni rivoluzionarie dopo la loro seconda dose di vaccino.

“È probabile che siano necessarie dosi di richiamo più frequenti per mantenere la protezione contro COVID-19 nelle persone con obesità. A causa dell’elevata prevalenza dell’obesità in tutto il mondo, ciò rappresenta una sfida importante per i servizi sanitari”, ha affermato il professor Sadaf Farooqi del Wellcome -MRC Istituto di scienze metaboliche.

Source link