Notizie internazionali

L’Italia gioca sulle corde del cuore storico con l’Algeria per rafforzare i legami energetici critici

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha salutato l’Algeria come il partner “più stabile, strategico e di lunga data” di Roma in Nord Africa, mentre lunedì ha concluso una visita di due giorni volta a garantire l’approvvigionamento energetico dell’Italia e promuovere il suo piano per un “non predatore ” approccio agli investimenti nel continente.

Meloniche guida il governo italiano più di destra dalla seconda guerra mondiale, stava compiendo la sua prima visita bilaterale all’estero dalla sua elezione lo scorso anno, sottolineando l’importanza data al rapporto di Roma con i paesi ricchi di gas Algeria in un momento in cui le nazioni europee stanno correndo per svezzare le loro economie dal gas russo.

Come tutti i visitatori di rango, Meloni ha iniziato il suo viaggio deponendo una corona al Monumento dei Martiri, il memoriale in cima alla collina che commemora gli algerini morti nella lotta del paese per l’indipendenza dalla Francia. Il contributo del suo paese a quella lotta fu oggetto di una successiva sosta nel centro di Algeri, in un giardino dedicato a Enrico Mattei, il leggendario fondatore dell’azienda energetica italiana ENI, che sostenne – e finanziò – la lotta per l’indipendenza dell’Algeria negli anni ’50 e all’inizio anni ’60.

La Meloni era accompagnata dall’attuale capo dell’ENI Matteo Descalzi, l’artefice capo dell’attuale passaggio dell’Italia dal gas russo al gas algerino. La loro visita ai giardini Mattei fu simbolo di un riavvicinamento dettato sia dall’interesse che dall’affinità storica.


“Agli occhi degli algerini Eni è molto più di un’azienda. È un simbolo dell’amicizia italo-algerina e di un rapporto che risale a prima dell’indipendenza”, ha detto il giornalista politico algerino Akram Kharief.

“L’Algeria è sempre grata ai suoi alleati. Non ha dimenticato che Eni è stata una delle pochissime compagnie a non fuggire durante la guerra civile del Paese (negli anni ’90)”, ha aggiunto Kharief. “Di conseguenza, la società gode di un accesso privilegiato ai contratti e alle risorse algerine”.

L’hub del gas dell’Europa meridionale

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, le ampie riserve di gas naturale dell’Algeria hanno svolto un ruolo chiave nel ridurre la dipendenza energetica dell’Italia da Mosca, che prima della guerra rappresentava il 40% delle importazioni di gas di Roma. Il viaggio della Meloni ad Algeri fa seguito a due visite del suo predecessore Mario Draghiche si è assicurata l’impegno algerino di aumentare rapidamente le esportazioni di gas.

Da allora, l’Algeria ha sostituito la Russia come primo fornitore di energia dell’Italia e Roma spinge per aumentare ulteriormente le sue importazioni di energia dall’Algeria, sperando di fungere da hub per le forniture tra l’Africa e il nord Europa nei prossimi anni. Vuole anche garanzie che l’Algeria possa mantenere i suoi impegni, tra le preoccupazioni che le scricchiolanti infrastrutture energetiche del paese si dimostreranno incapaci di soddisfare la crescente domanda.

“I flussi di gas dall’Algeria sono aumentati lo scorso anno, ma non quanto promesso. Sono addirittura diminuiti a gennaio, costringendo l’Italia ad acquistare più gas proveniente dalla Russia”, ha affermato Francesco Sassi, ricercatore specializzato in geopolitica energetica presso la società di consulenza italiana RIE. “L’Algeria ha bisogno di enormi investimenti per aumentare sia la sua produzione che le sue capacità di esportazione in mezzo a un forte aumento del consumo locale”, ha aggiunto.

Lunedì, Descalzi dell’ENI ha firmato una serie di accordi con il gigante energetico algerino Sonatrach volti ad aumentare le esportazioni di gas algerino verso l’Italia. Le due società hanno inoltre concordato di sviluppare progetti finalizzati alla riduzione delle emissioni di gas serra ed eventualmente alla realizzazione di un gasdotto per il trasporto dell’idrogeno in Italia.

Annunciando gli accordi in una conferenza stampa congiunta con Meloni, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha detto che l’obiettivo è che l’Italia “diventi una piattaforma per la distribuzione dei prodotti energetici algerini in Europa”. Ha osservato che il commercio tra i due paesi è già raddoppiato da 8 miliardi di dollari nel 2021 a 16 miliardi nel 2022.

Tebboune ha detto che il suo Paese vuole “allargare la cooperazione (tra Algeria e Italia) oltre l’energia”, indicando il tessuto italiano di piccole e medie imprese come modello “per aiutare l’Algeria a uscire dalla sua dipendenza dagli idrocarburi”.

La casa automobilistica italiana Fiat ha già in programma di aprire una fabbrica in Algeria e la lobby industriale italiana di Confindustria ha concordato lunedì di perseguire una maggiore cooperazione con le imprese algerine. Le due parti hanno anche salutato un accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e la sua controparte algerina per condividere conoscenze e sviluppare progetti comuni, mentre Roma ha offerto la sua esperienza per sviluppare il potenziale inutilizzato dell’Algeria nel settore del turismo.

Il ‘Piano Mattei’

La marea di accordi e parole affettuose scambiate durante la visita della Meloni riflettono una tradizionale affinità tra Roma e Algeri, alleggerita dall’eredità coloniale che affligge i rapporti della Francia con il Paese nordafricano. Sottolineano inoltre una convergenza di interessi tra due Paesi che hanno intravisto un’opportunità nella crisi energetica innescata dalla guerra in Ucraina.

Zine Ghebouli, studioso di cooperazione euro-mediterranea e politica algerina all’Università di Glasgow, ha affermato che l’Italia ha “approfittato della crisi del gas in Europa per posizionarsi come un hub energetico”, dando a Roma una solida base per rafforzare la sua influenza nel Mediterraneo regione.

“L’obiettivo generale è ora quello di passare dalla cooperazione energetica alla cooperazione in materia di economia, difesa e politica estera”, ha aggiunto, ricordando la ricerca di stabilità dell’Italia in Nord Africa – e in particolare in Libia – arginare il flusso di migranti che attraversano il Mediterraneo.

“L’Italia ha mostrato segnali positivi per quanto riguarda i trasferimenti tecnologici, ad esempio. Sarà interessante vedere se una maggiore cooperazione energetica contribuirà a promuovere progressi anche su altri temi, tra cui la migrazione, e con altri paesi della regione, come la Tunisia”, ha affermato Ghebouli.

Da quando è entrato in carica, poco più di tre mesi fa, la Meloni ha più volte parlato di un “Piano Mattei” per l’Africa, intitolato al fondatore dell’ENI che sfidò le major petrolifere anglo-americane per lo sfruttamento delle risorse africane – e la cui morte in un incidente aereo 60 anni fa fa rimane avvolta nel mistero. Ha pubblicizzato il piano come un partenariato vincente che garantirà la sicurezza energetica dell’Europa affrontando le cause profonde dei flussi migratori dall’Africa, vale a dire la povertà e i disordini jihadisti.

L’approccio “affronta quello che il governo di Meloni vede come un interesse vitale: arginare il flusso di migranti”, ha detto Kharief. “L’Italia non ha né i mezzi coercitivi per combattere il jihadismo né la forza economica per favorire lo sviluppo in Africa, ma ha un piano ampio e ha identificato l’Algeria come il suo partner strategico chiave in questo sforzo”, ha aggiunto.

Durante la conferenza stampa di lunedì ad Algeri, la Meloni ha promosso il suo progetto di “collaborazione paritaria, per trasformare in opportunità le tante crisi che stiamo affrontando”. Ha parlato di “un modello di sviluppo che consente alle nazioni africane di crescere in base a ciò che hanno, grazie a un approccio non predatorio da parte di nazioni straniere”.

Tuttavia, la premier italiana ha fornito pochi dettagli sul suo progetto per un “rapporto virtuoso con i Paesi africani”. Alcuni analisti l’hanno descritto come poco più di una trovata pubblicitaria del leader di estrema destra – e una prova del desiderio dell’attuale governo italiano di agire indipendentemente dai suoi partner europei.

>> Una svolta ‘sismica’: l’Italia di Meloni volterà le spalle all’Europa?

Evocando la memoria di Mattei, la Meloni non tocca solo le corde del cuore algerino. Lei “richiama anche alla memoria dell’Italia come uno dei principali attori nel Mediterraneo e nel Medio Oriente, costruendo una narrazione che oggi non ha basi”, ha detto Sassi di RIE.

“Il Piano Mattei riguarda principalmente il ruolo dell’Italia nell’affrontare la crisi energetica dell’Europa, al fine di garantire gli investimenti di cui l’Italia stessa ha bisogno”, ha affermato, osservando che il Paese dovrà potenziare le proprie infrastrutture per fungere da hub energetico per il continente. “È naturale che ogni Paese giochi la carta nazionale”, ha aggiunto Sassi. “Ma l’attuale crisi energetica può avere solo una soluzione europea”.

Source link