Salute

Le città cinesi allentano le regole sui test mentre la politica zero-Covid si allenta

Le autorità locali di tutta la Cina hanno avviato un lento ritiro delle restrizioni Covid che hanno governato la vita quotidiana per anni.  - AFP
Le autorità locali di tutta la Cina hanno avviato un lento ritiro delle restrizioni Covid che hanno governato la vita quotidiana per anni. – AFP

Le attività commerciali sono state riaperte e i requisiti per i test sono stati allentati a Pechino e in altre città cinesi lunedì, mentre il paese sta provvisoriamente uscendo da un rigorosa politica zero-Covid che ha scatenato proteste a livello nazionale.

Le autorità locali di tutta la Cina hanno avviato un lento arretramento delle restrizioni che hanno governato la vita quotidiana per anni, incoraggiate dagli ordini del governo centrale per un nuovo approccio alla lotta al coronavirus.

Nella capitale Pechino, dove molte attività commerciali hanno completamente riaperto, i pendolari da lunedì non erano più tenuti a mostrare un test antivirus negativo effettuato entro 48 ore per utilizzare i mezzi pubblici.

L’hub finanziario di Shanghai, che quest’anno ha subito un brutale blocco di due mesi, era soggetto alle stesse regole, con i residenti che potevano entrare in luoghi all’aperto come parchi e attrazioni turistiche senza un test recente.

La vicina Hangzhou ha fatto un ulteriore passo avanti, ponendo fine ai test di massa regolari per i suoi 10 milioni di persone, ad eccezione di coloro che vivono o visitano case di cura, scuole e asili.

Nella città nord-occidentale di Urumqi, dove un incendio che ha ucciso 10 persone è diventato il catalizzatore del recenti proteste anti-lockdownsupermercati, hotel, ristoranti e impianti sciistici hanno riaperto lunedì.

La città di oltre quattro milioni di persone nella regione dell’estremo ovest dello Xinjiang ha subito uno dei blocchi più lunghi della Cina, con alcune aree chiuse da agosto a novembre.

Le autorità di Wuhan, dove il coronavirus è stato rilevato per la prima volta alla fine del 2019, e dello Shandong hanno eliminato domenica l’obbligo di test per i trasporti pubblici.

E Zhengzhou, sede della più grande fabbrica di iPhone del mondo, domenica ha dichiarato che le persone potranno entrare nei luoghi pubblici, prendere i mezzi pubblici ed entrare nei loro complessi residenziali senza un risultato negativo del test di 48 ore.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha esultato per l’allentamento da parte della Cina della sua politica zero-Covid, che è arrivata dopo che centinaia di persone sono scese in piazza in tutto il Paese per chiedere maggiori libertà politiche e la fine dei blocchi.

Mentre alcune regole Covid sono state allentate, il vasto apparato di sicurezza cinese si è mosso rapidamente per soffocare ulteriori manifestazioni, aumentando la censura online e la sorveglianza della popolazione.

E mentre i funzionari hanno smantellato le strutture per i test, sono comparse lunghe code intorno a quelle rimaste, costringendo i residenti ad aspettare a basse temperature per sottoporsi ai test che rimangono obbligatori in gran parte della Cina.

“Gli studenti non possono andare a scuola senza un test negativo di 24 ore”, ha scritto un utente su Weibo cinese simile a Twitter.

“Che senso ha chiudere le cabine di prova prima di abbandonare la necessità di mostrare completamente i risultati dei test?” chiese un altro.

Lunedì le autorità cinesi hanno segnalato 29.724 nuovi casi domestici di Covid.

Source link