Un medico indossa dispositivi di protezione individuale (DPI) prima di curare i pazienti COVID-19 in un ospedale di Istanbul.  — AFP
Un medico indossa dispositivi di protezione individuale (DPI) prima di curare i pazienti COVID-19 in un ospedale di Istanbul. — AFP

ISTANBUL: Il medico turco Mesut ha iniziato la sua carriera con il desiderio di aiutare i pazienti ed essere utile al suo Paese, ma ora la minaccia della violenza dei pazienti e l’aumento dell’inflazione lo hanno costretto a pianificare un trasferimento all’estero.

Mesut dice che lascerà il suo lavoro in un ospedale privato di Istanbul e l’anno prossimo partirà con sua moglie e due figli per la Germania.

È uno del numero crescente di professionisti altamente qualificati che stanno lasciando o vogliono lasciare la Turchia, una tendenza che secondo gli esperti è accelerata negli ultimi anni poiché le famiglie lottano per tenere il passo con l’aumento del costo della vita.

“Abbiamo perso ogni speranza per il futuro”, ha detto l’anestesista 38enne AFP.

“Quando parlo con i miei colleghi e amici intimi, sono disperati. Tutti stanno valutando opzioni alternative”, ha detto Mesut, che non ha voluto fornire il suo nome completo.

I medici turchi in particolare affermano che le loro condizioni di lavoro sono peggiorate, con orari lunghi, un aumento degli abusi fisici e verbali da parte dei pazienti o dei loro parenti e il bullismo da parte dei capi.

In uno degli attacchi più recenti, a luglio un uomo armato ha sparato al cardiologo Ekrem Karakaya 15 volte e lo ha ucciso, secondo quanto riferito perché riteneva il medico responsabile della morte di sua madre.

I problemi economici della Turchia hanno solo reso più attraente l’emigrazione, con un’inflazione superiore all’83% e la lira turca che ha perso circa il 30% in valore rispetto al dollaro dall’inizio dell’anno.

Alcuni dicono che anche le elezioni del prossimo anno – in cui il presidente Recep Tayyip Erdogan farà fatica a estendere il suo governo di due decenni – non offrono alcuna speranza di cambiamento.

“Perso ogni motivazione”

Un medico specializzato in un ospedale pubblico turco guadagna una media mensile di oltre $ 1.000, più di tre volte il salario minimo di quasi $ 300, ma comunque molto meno di quello che guadagna un medico in Europa.

Mesut dice che guadagna $ 2.000 al mese, ma anche questo non è abbastanza ora la vita è molto più costosa.

“Lavoriamo sodo ma i soldi che otteniamo… non hanno valore”, ha detto.

“Siamo esposti a violenze, percosse e attacchi da parte dei pazienti e abbiamo perso ogni motivazione”.

Il governo afferma che sta cercando di risolvere questi problemi e a luglio ha aumentato del 42% gli stipendi dei medici nel settore pubblico.

In agosto ha introdotto riforme per migliorare ulteriormente le loro condizioni economiche e proteggerle dalla violenza.

Le normative mirano a limitare il numero di medici che lasciano la Turchia e a frenare la crescente tendenza dei professionisti sanitari a passare dagli ospedali pubblici a quelli privati ​​per una migliore retribuzione.

Demonizzazione dei medici

Erdogan il mese scorso ha scatenato la sua rabbia sui turchi che hanno lasciato il Paese.

“Abbiamo pietà di coloro che arrivano alla porta di altri paesi per aspirazioni superficiali, solo perché vogliono guidare un’auto migliore o andare a più concerti”, ha detto.

Mesut ha affermato che la demonizzazione dei medici da parte del governo è stata “l’ultima goccia”.

“Facciamo già molti sacrifici in questa professione”, ha detto.

“Ci pensavo da un po’, ma le parole del nostro presidente, ‘lasciamo che se ne vadano’, hanno giocato un ruolo importante nella mia decisione di andare all’estero”.

Mesut sta già imparando il tedesco prima del trasloco con sua moglie, un’infermiera di terapia intensiva e i loro figli.

Fuga di cervelli

Il professor Nergis Erdogan, presidente della Camera medica di Istanbul, ha affermato che le richieste di certificati di buona reputazione, documenti che consentono ai medici di lavorare all’estero, sono aumentate vertiginosamente quest’anno.

Nel 2012 solo 59 medici turchi hanno presentato domanda per ricevere i certificati.

Ma solo nei primi nove mesi di quest’anno, 1.938 medici – 1.014 specialisti e 924 generalisti – hanno presentato richieste.

“Chiediamo agli studenti del primo anno le loro proiezioni. Una parte significativa di loro inizia dicendo: ‘Farò un corso di tedesco'”, ha detto AFP.

Mehmet Cihan Dulluc, uno studente di medicina del primo anno ad Ankara, ha detto di aver scelto di studiare in inglese per aumentare le sue possibilità di trovare un lavoro all’estero.

“Tutti noi sogniamo di andare all’estero”, ha detto il 19enne AFPcitando la violenza contro i medici e troppi pazienti per medico in Turchia come solo alcuni dei motivi.

Erdogan, presidente della Camera medica di Istanbul, ha affermato che i medici turchi vedono un nuovo paziente ogni tre o cinque minuti.

“A volte ho visto da 80 a 100 pazienti al giorno nella mia carriera. Anche 25 pazienti al giorno sono tanti”, ha detto.

Come la maggior parte dei suoi compagni di classe, Dulluc dice che vuole viaggiare all’estero non appena finisce la scuola di medicina.

“Anche prima della laurea, se ne avrò la possibilità, vorrei andare in Europa”, ha detto.

Source link