Genotipizzazione e sequenziamento del DNA presso il Cancer Genomics Research Laboratory, parte della Divisione di epidemiologia e genetica del cancro (DCEG) del National Cancer Institutes.— Unsplash
Genotipizzazione e sequenziamento del DNA presso il Cancer Genomics Research Laboratory, parte della Divisione di epidemiologia e genetica del cancro (DCEG) del National Cancer Institute.— Unsplash

Circa 1,5 milioni di vite potrebbero essere salvate ogni anno se il mondo collaborasse per approvarne di nuove più rapidamente cancro farmaci, hanno detto i ricercatori martedì.

La cifra si basava sul tempo impiegato da due recenti farmaci antitumorali per essere approvati in tutto il mondo dopo aver ricevuto il via libera dagli Stati Uniti.

Pembrolizumab, un trattamento efficace per la maggior parte dei tumori polmonari, è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel 2016.

Più di 600.000 anni di pazientiSecondo un’analisi pubblicata sulla Harvard Business Review, che non è sottoposta a revisione paritaria, le vite avrebbero potuto essere salvate se Brasile, Canada, Cina, India, Giappone e Unione Europea avessero approvato il farmaco contemporaneamente.

Gli autori, incluso l’oncologo statunitense Bobby Daly, hanno anche esaminato l’enzalutamide, che è usata per curare il cancro alla prostata.

Enzalutamide è stata approvata dalla FDA nel 2012, ma non è stata autorizzata in Cina per altri sette anni, in parte a causa dell’obbligo di condurre prove separate lì.

L’analisi dei membri della Bloomberg New Economy International Cancer Coalition ha rilevato che 284.000 anni di vite di pazienti avrebbero potuto essere salvati se altri paesi avessero approvato il farmaco insieme alla FDA.

Estrapolando dai loro risultati, i ricercatori hanno stimato che se ciascuno dei circa sette farmaci antitumorali approvati dalla FDA all’anno fosse autorizzato in tutto il mondo, ridurrebbe il numero di decessi correlati al cancro del 10%-20%.

Ciò rappresenta circa 1,5 milioni dei circa 10 milioni di persone che muoiono di cancro ogni anno.

‘Sfidante’ per i medici

“Nella sola Cina si stima che 500.000 anni di vita di pazienti potrebbero essere salvati attraverso l’armonizzazione dei requisiti di sperimentazione che hanno ritardato l’accesso dei pazienti alle cure”, ha affermato in una dichiarazione l’ex primo ministro australiano Kevin Rudd, co-presidente della coalizione contro il cancro di Bloomberg.

Mary Gospodarowicz, anche lei membro della coalizione, ha affermato che è stato “difficile” come oncologa in Canada quando un farmaco è stato approvato negli Stati Uniti, ma ci sarebbero voluti anni per poterlo prescrivere ai suoi pazienti.

Lo studio presumeva che il resto del mondo avesse le infrastrutture per diagnosticare e curare il cancro così come gli Stati Uniti, il che non è sempre il caso, ha detto Gospodarowicz AFP via telefono dal World Cancer Congress di Ginevra martedì.

Ma è servito da esempio di come “rimuovere le barriere all’approvazione dei farmaci sarebbe vantaggioso per i pazienti di tutto il mondo”, ha affermato l’ex presidente dell’Unione per il controllo internazionale del cancro, che sta tenendo il congresso.

Gli autori dell’analisi hanno invitato i paesi ad abbracciare il Progetto Orbis, un quadro guidato dagli Stati Uniti che mira a far testare e approvare i farmaci antitumorali contemporaneamente in più paesi.

“Gli Stati Uniti hanno già compiuto progressi significativi nella creazione dell’infrastruttura normativa per il trattamento del cancro con l’iniziativa Project Orbis e il compito da svolgere è prendere quel quadro e internazionalizzarlo”, ha affermato l’ex sindaco di New York Michael Bloomberg in una nota.

Source link