— AFP
— AFP

GINEVRA: La carenza di vaccini contro il colera ha costretto a passare temporaneamente a una strategia a una dose, dalle solite due, nelle campagne per combattere un numero crescente di focolai, ha affermato mercoledì l’Organizzazione mondiale della sanità.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha affermato che la “fornitura globale tesa di vaccini contro il colera” ha spinto l’International Coordinating Group (ICG), che gestisce le forniture di emergenza di vaccini, a sospendere il regime a due dosi.

“Il perno della strategia consentirà di utilizzare le dosi in più paesi, in un momento di aumento senza precedenti delle epidemie di colera in tutto il mondo”, ha affermato l’OMS in una nota.

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha sottolineato ai giornalisti che “29 paesi hanno segnalato focolai quest’anno, inclusi 13 paesi che non hanno avuto focolai l’anno scorso”.

Ciò si confronta con le meno di 20 nazioni che hanno segnalato tali focolai in totale nei cinque anni precedenti.

“La tendenza globale si sta muovendo verso focolai più numerosi, più diffusi e più gravi, a causa di inondazioni, siccità, conflitti, movimenti di popolazione e altri fattori che limitano l’accesso all’acqua pulita e aumentano il rischio di epidemie di colera”, afferma la dichiarazione di mercoledì.

Il colera è un’infezione diarroica acuta nell’intestino tenue che causa disidratazione a volte fatale. Viene generalmente contratta da cibo o acqua contaminati da batteri del vibrio colera.

“Estremamente limitato”

L’OMS e altri membri dell’ICG – l’organizzazione benefica Medici senza frontiere (MSF), l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia UNICEF e la Croce Rossa – hanno evidenziato che una strategia a dose singola per i vaccini contro il colera si è dimostrata efficace in risposta alle epidemie.

Ma hanno avvertito che c’erano solo prove limitate sull’esatta durata della protezione, che sembrava essere molto più bassa soprattutto nei bambini.

Con due dosi, quando la seconda dose viene somministrata entro sei mesi dalla prima, l’immunità contro le infezioni dura tre anni.

“Il vantaggio di fornire una dose supera ancora nessuna dose”, afferma la dichiarazione.

L’OMS ha avvertito che l’attuale offerta di vaccini contro il colera è “estremamente limitata”.

ICG gestisce una scorta globale di vaccini contro il colera orali, ma dei 36 milioni di dosi previste per la produzione quest’anno, 24 milioni sono già state spedite per campagne preventive e reattive.

E altri otto milioni di dosi sono state approvate dall’ICG per un secondo ciclo di vaccinazione di emergenza in quattro paesi.

Tedros ha affermato che il cambiamento di strategia è stato “chiaramente tutt’altro che ideale e il razionamento deve essere solo una soluzione temporanea”.

“Decisione molto difficile”

Uno dei motivi della crescente preoccupazione per la situazione è che il produttore di uno dei due soli vaccini contro il colera da utilizzare nelle emergenze umanitarie, Shanchol, una sussidiaria indiana del colosso farmaceutico francese Sanofi, ha dichiarato che interromperà la produzione entro la fine dell’anno.

Ma un portavoce di Sanofi ha sottolineato che la carenza di vaccini era dovuta a un aumento dei casi “e non all’arresto della produzione di vaccini da parte di Sanofi, perché stiamo continuando a fornire dosi di Shanchol”.

Ha sottolineato che la società aveva annunciato la sua decisione di interrompere la produzione nel 2020 a causa del basso numero di dosi che stava producendo e perché altri attori avevano annunciato piani per aumentare la capacità.

MSF ha affermato che la grave carenza globale di vaccini contro il colera non ha lasciato a lei e ad altri membri dell’ICG altra scelta che sostenere la “decisione molto difficile di ridurre le dosi che le persone riceveranno da due a uno”.

“È incredibilmente frustrante affrontare questa situazione mentre il colera sta aumentando in più di 20 paesi, compresi luoghi già devastati dalla crisi come Haiti, Nigeria e Siria”, ha affermato la coordinatrice medica internazionale di MSF Daniela Garone.

“Questa decisione di ultima istanza è il modo per evitare di fare la scelta impossibile di inviare le dosi in un paese piuttosto che in un altro”.

Source link