L’Iran ha detto venerdì che nove stranieri sono stati arrestati durante le mortali proteste di strada innescate dalla morte della donna curda Mahsa Amini, mentre le manifestazioni in tutto il paese sono entrate nella terza settimana tra spari.

IranIl ministero dell’intelligence ha affermato che “nove cittadini stranieri provenienti da Germania, Polonia, Italia, Francia, Paesi Bassi, Svezia, ecc. sono stati arrestati sulla scena o dietro la scena dei disordini”, insieme a 256 membri di gruppi di opposizione fuorilegge.

Dozzine sono state uccise in una repressione delle proteste scoppiate quando Amini22 anni, è morta in custodia tre giorni dopo il suo arresto da parte della famigerata polizia moralista a Teheran con l’accusa di aver violato il rigido codice di abbigliamento femminile della Repubblica islamica.

La sua famiglia ha detto di essere stata informata che è stata picchiata a morte durante la custodia. La polizia dice che Amini è morta per un attacco di cuore e nega di averla maltrattata, e funzionari iraniani affermano che la sua morte è sotto inchiesta.

L’Iran ha affermato che le proteste quotidiane che hanno travolto il Paese nelle ultime due settimane sono state istigate da stranieri. I manifestanti hanno negato tali affermazioni, descrivendo le loro azioni come una rivolta spontanea contro il rigido codice di abbigliamento del paese, compreso l’hijab obbligatorio per le donne nei luoghi pubblici.

Venerdì, le forze di sicurezza iraniane hanno aperto il fuoco sui manifestanti arrabbiati, secondo quanto riferito dai media dell’opposizione con sede all’estero.

“Morte al dittatore”, cantavano donne a capo scoperto nella città nord-occidentale di Ardabil, ha detto Iran International, una stazione televisiva in lingua persiana con sede a Londra.

Nella città sudoccidentale di Ahvaz, le riprese del canale mostravano anche le forze di sicurezza che sparavano gas lacrimogeni per disperdere decine di persone che si riversavano nelle strade schernindo e gridando slogan antigovernativi.

A Zahedan, vicino al confine sud-orientale dell’Iran con il Pakistan, uomini hanno sfidato gli spari mentre lapidavano una stazione di polizia, secondo altri filmati condivisi dal canale.

Le parti in barella sono state viste portare via uomini insanguinati da apparenti ferite da proiettile nel filmato, che l’AFP non è stata in grado di verificare immediatamente.

I media statali hanno affermato che la polizia di Zahedan ha risposto al fuoco quando è stata attaccata da uomini armati, mentre Ahmad Taheri, il capo della polizia provinciale del Sistan-Baluchestan, ha affermato che tre stazioni di polizia sono state attaccate.

“Un certo numero di membri della polizia e dei passanti sono rimasti feriti nello scontro a fuoco”, ha detto l’emittente statale.

“Possibilità molto reale di cambio di regime”

Le donne si sono bruciate con aria di sfida il velo e si sono tagliate i capelli durante le proteste per la morte di Amini, ha annunciato il 16 settembre, che sono le più grandi manifestazioni viste in Iran dalle manifestazioni del novembre 2019 per l’aumento dei prezzi del carburante.

Un importante avvocato iraniano per i diritti umani, Nasrin Sotoudeh, ha detto alla rivista americana Time che si aspettava che le proteste proseguissero indipendentemente dall’intensità della repressione delle autorità.

“Quello che la gente vuole è un cambio di regime e nessun ritorno al passato”, ha detto Sotoudeh, che è in congedo medico da una condanna a 38 anni di carcere per il suo lavoro di advocacy.

“E quello che possiamo vedere dalle proteste e dagli scioperi in corso che vengono ora avviati è una possibilità molto reale di cambio di regime”.

Un documento trapelato ordina ai funzionari della sicurezza di “affrontare severamente” i manifestanti

Amnesty International ha affermato che l’Iran sta usando intenzionalmente la forza letale contro i manifestanti, aggiungendo che senza un’azione internazionale “al di là delle dichiarazioni di condanna” più persone rischiano di essere uccise.

Amnesty ha affermato di aver ottenuto un documento ufficiale trapelato rilasciato ai comandanti delle forze armate di tutte le province il 21 settembre in cui si ordinava loro di “affrontare severamente” i manifestanti.

Un altro documento trapelato mostrava che il 23 settembre il comandante delle forze armate nella provincia di Mazandaran, dove si sono verificati alcuni degli scontri più mortali, ha ordinato alle forze di sicurezza di “affrontare senza pietà, arrivando al punto di provocare morti, eventuali disordini da parte di rivoltosi e anti -rivoluzionari”.

“Le autorità iraniane hanno deliberatamente deciso di danneggiare o uccidere le persone scese in piazza per esprimere la loro rabbia per decenni di repressione e ingiustizia”, ha affermato Agnes Callamard, Segretario generale di Amnesty International.

L’ONG ha affermato di aver confermato 52 morti nelle proteste, ma il bilancio è probabilmente più alto.

Un altro gruppo per i diritti umani, Iran Human Rights, con sede a Oslo, ha affermato che 83 persone sono state uccise, mentre l’agenzia di stampa iraniana Fars ha stimato il bilancio delle vittime a “circa 60”.

I tifosi iraniani chiedono il divieto

L’avvertimento di Amnesty arriva mentre l’Iran va avanti con un’intensa repressione che ha visto l’arresto di molti giornalisti, attivisti e altre figure di spicco.

L’ex calciatore internazionale iraniano Hossein Maahini è stato arrestato venerdì dopo aver sostenuto le proteste sui suoi account sui social media, hanno detto i media statali.

Gli appassionati di calcio iraniani, nel frattempo, hanno chiesto alla FIFA di bandire la propria nazionale dalla Coppa del Mondo di quest’anno in Qatar a causa della repressione.

Le forze di sicurezza hanno anche arrestato il cantante Shervin Hajipour, la cui canzone “Baraye” (“For”) composta da tweet sulle proteste è diventata virale su Instagram, ha affermato il gruppo per i diritti umani Article 19.

La sua canzone, che ha collezionato milioni di visualizzazioni, è stata ora rimossa dal suo account Instagram.

La repressione ha attirato una condanna internazionale diffusa.

Dimostrazioni di solidarietà con le donne iraniane si sono svolte in tutto il mondo e sabato sono previste manifestazioni in 77 città.

L’Iran ha incolpato le forze esterne per le proteste e mercoledì ha lanciato attacchi transfrontalieri di missili e droni che hanno ucciso 14 persone nella regione del Kurdistan dell’Iraq settentrionale, accusando i gruppi ribelli con sede lì di aver alimentato i disordini.

Le Guardie Rivoluzionarie iraniane si sono impegnate a effettuare più attacchi fino a quando i gruppi non saranno disarmati.

Gli Stati Uniti hanno detto che uno dei suoi cittadini è stato ucciso negli attacchi iraniani.

(FRANCIA 24 con AFP e AP)

Source link