Foto: AFP/file
Foto: AFP/file

GINEVRA: La lotta contro l’HIV, la tubercolosi e la malaria ha salvato 50 milioni di vite negli ultimi 20 anni, ha affermato lunedì il Fondo globale, chiedendo 18 miliardi di dollari per salvarne altri milioni.

“Abbiamo fatto enormi progressi”, ha affermato la partnership globale creata nel 2002 per combattere le tre malattie mortali nel suo rapporto annuale, con i loro tassi di mortalità dimezzati da allora.

“Ma la nostra lotta non è finita”, ha ammonito, indicando una serie di crisi in collisione, tra cui il cambiamento climatico, i conflitti e la pandemia di Covid-19, che “minacciano di farci cadere all’indietro”.

La prossima settimana il Global Fund terrà una conferenza di rifornimento a New York, dove mira a raccogliere almeno 18 miliardi di dollari di fondi per coprire i suoi programmi dal 2024 al 2026.

Il fondo, che riunisce governi, agenzie multilaterali, partner bilaterali, gruppi della società civile, persone colpite dalle malattie e settore privato, stima che il finanziamento contribuirebbe a ridurre di quasi due terzi i decessi per HIV, TB e malaria e a risparmiare 20 milioni di vite.

L’anno scorso, il Global Fund ha avvertito che la pandemia in particolare stava avendo un impatto “devastante” sugli sforzi per sradicare l’HIV, la tubercolosi e la malaria, portando per la prima volta nella storia del fondo a risultati in calo su tutta la linea.

Ma lunedì ha detto che le enormi risorse che aveva pompato per contrastare la recessione avevano dato i suoi frutti e che “la ripresa è in corso”.

Da marzo 2020, il Global Fund ha dichiarato di aver investito più di 4,4 miliardi di dollari per combattere la pandemia e mitigarne l’impatto sui suoi programmi.

‘Di nuovo in pista’

Il capo del fondo Peter Sands ha sottolineato che “sebbene la maggior parte dei paesi che combattono l’HIV, la tubercolosi e la malaria abbiano iniziato a riprendersi dalle devastazioni del Covid-19, dobbiamo accelerare i nostri sforzi se vogliamo recuperare completamente il terreno perduto e tornare sulla buona strada verso la fine queste malattie entro il 2030”.

Ha insistito sul fatto che i 50 milioni di vite salvate in due decenni erano “la prova che l’impegno globale e la leadership della comunità possono costringere le malattie infettive più mortali del mondo alla ritirata”.

Il Global Fund, che fornisce quasi un terzo di tutti i finanziamenti internazionali per combattere l’HIV, ha affermato che il numero di persone che hanno ricevuto una terapia antiretrovirale salvavita lo scorso anno è salito a 23,3 milioni, rispetto al 21,9% dell’anno precedente.

E il numero di persone raggiunte con i servizi di prevenzione è aumentato di nuovo dopo essere diminuito nel 2020, raggiungendo 12,5 milioni di persone in tutto il mondo, ha affermato.

Ma circa 10 milioni di persone che vivono con il virus non hanno accesso a medicine salvavita, ha avvertito.

E mentre i decessi correlati all’AIDS sono diminuiti del 50% dal 2010 a 650.000 l’anno scorso, ciò è ancora molto al di sotto dell’obiettivo di ridurre i decessi a meno di 500.000 all’anno entro il 2020.

Alla ricerca di 18 miliardi di dollari

La pandemia nel frattempo ha avuto un impatto particolarmente duro sulla lotta alla tubercolosi, con molte risorse dirottate per combattere il Covid-19.

Di conseguenza, il numero di persone che muoiono di tubercolosi è aumentato per la prima volta in un decennio nel 2020, quando ha causato circa 1,5 milioni di morti, diventando così il secondo più grande killer di malattie infettive al mondo dopo il Covid.

Ma il Fondo globale, che fornisce il 76% di tutti i finanziamenti internazionali per combattere la tubercolosi, ha affermato che i programmi hanno mostrato segni di ripresa lo scorso anno.

Nel 2021, il numero di persone che hanno ricevuto un trattamento è salito a 5,3 milioni, di cui 110.000 trattate per la tubercolosi resistente ai farmaci, ha affermato.

La pandemia ha inizialmente avuto un pesante tributo anche sulla battaglia contro la malaria, con interruzioni dei servizi che hanno causato un’impennata dei decessi del 12% nel 2020, a circa 627.000.

Ma il Fondo globale ha affermato che un rapido aumento dei programmi ha consentito loro di riprendersi, con circa 280 milioni di casi sospetti testati e 148 milioni di casi trattati l’anno scorso.

Allo stesso tempo sono state distribuite 133 milioni di zanzariere.

Source link