SYDNEY: La compagnia di bandiera australiana Qantas ha riferito giovedì che la sua attività ha iniziato a riprendersi dopo tre anni di turbolenze pandemiche, che sono costate alla compagnia aerea 17 miliardi di dollari di entrate.

“Queste cifre sono sbalorditive e passare dall’altra parte è stata ovviamente difficile”, ha detto l’amministratore delegato Alan Joyce.

“Abbiamo sempre saputo che la domanda di viaggio si sarebbe ripresa fortemente, ma la velocità e la portata di tale ripresa sono state eccezionali”.

Entro la fine di giugno, i viaggi interni erano al di sopra dei livelli pre-pandemia, ha riferito Qantas, con l’aggiunta di 20 nuove rotte per soddisfare la domanda di viaggi di piacere in tutta l’Australia.

Un lento rimbalzo dei viaggi internazionali, ancora in ritardo al di sotto del 50% dei massimi pre-pandemia, è stato “compensato da una performance record” nel settore del trasporto merci del gruppo.

Ma l’impennata dei viaggi del quarto trimestre non è stata sufficiente per compensare un anno afflitto dai blocchi delle onde di Omicron e Delta, che hanno causato una terza perdita consecutiva prima delle tasse di 1,2 miliardi di dollari australiani (830 milioni di dollari).

Rilasciando giovedì i risultati dell’intero anno, Qantas ha dichiarato che “la crisi esistenziale posta dalla pandemia (era) finita” e si sposterebbe sulle sfide operative.

All’inizio di questo mese, la compagnia aerea ha chiesto ai suoi alti dirigenti di lavorare come addetti ai bagagli a causa della carenza di manodopera, un problema serio nell’economia australiana a lungo bloccata.

La mossa è stata controversa perché Qantas aveva licenziato circa 2.000 dipendenti di terra durante il blocco del Covid-19: un’ascia di massa che la corte federale australiana ha dichiarato illegale a maggio.

Qantas ha promesso di appellarsi contro il verdetto all’Alta Corte.

All’inizio di questa settimana, Joyce si è scusata con i clienti Qantas per i lunghi ritardi negli aeroporti di tutto il paese a causa del rimbalzo dei viaggi, offrendo buoni di volo ai frequent flyer del valore di 50 dollari australiani.

“Negli ultimi mesi, troppi di voi hanno avuto voli in ritardo, voli cancellati e bagagli smarriti… non è abbastanza buono”, ha detto.

“A nome del vettore nazionale, voglio scusarmi e assicurarvi che stiamo lavorando sodo per tornare al meglio”.

Source link