Il ricorso, depositato presso il Corte d’Appello della Concorrenzasostiene che la società di giochi abbia abusato della sua posizione di leader di mercato per imporre termini e condizioni a sviluppatori ed editori di giochi, inclusa una commissione del 30% su ogni gioco digitale o acquisto in-game effettuato tramite il PlayStation Store online.

Source link