A uno studente è stata misurata la temperatura nell'ambito delle procedure anti-COVID-19 prima di entrare in una scuola a Pyongyang il 22 giugno 2021. —AFP
A uno studente è stata misurata la temperatura nell’ambito delle procedure anti-COVID-19 prima di entrare in una scuola a Pyongyang il 22 giugno 2021. —AFP

SEOUL: La Corea del Nord ha revocato il mandato della maschera e ha allentato altre restrizioni sui virus, hanno affermato i media statali sabato, pochi giorni dopo che il leader Kim Jong Un ha dichiarato “vittoria” su COVID-19.

L’annuncio arriva dopo che Pyongyang all’inizio di questa settimana ha accusato Seoul di aver causato l’epidemia di COVID-19 nel nord e ha minacciato di “spazzare via” le autorità sudcoreane, se necessario.

Le restrizioni sui virus sono state allentate poiché “la crisi di salute pubblica creata nel paese è stata completamente disinnescata e l’intero territorio è stato trasformato in uno pulito e libero dal virus maligno nel più breve periodo”, ha riferito la Korea Central News Agency (KCNA) ufficiale di Pyongyang.

“Il passaggio per l’obbligo di indossare la maschera è stato revocato in tutte le aree tranne le aree in prima linea e le città e contee di confine, dato che l’intero paese è stato trasformato in una zona libera da epidemie”, ha affermato KCNA.

La Corea del Nord ha dichiarato una “splendente vittoria” su COVID all’inizio di questa settimana, pochi mesi dopo aver annunciato i suoi primi casi a maggio.

Anche il distanziamento sociale e altre misure antivirus sono state revocate ad eccezione delle regioni di confine.

Ma alle persone con sintomi di malattie respiratorie è stato consigliato di indossare maschere e i nordcoreani sono stati esortati a “rimanere vigili” contro “cose ​​anormali”, apparentemente riferendosi a volantini di propaganda dal sud.

Nonostante un divieto entrato in vigore nel 2021, gli attivisti sudcoreani per anni hanno fatto volare oltre il confine palloncini che trasportavano volantini di propaganda e dollari, contro il quale il Nord ha protestato da tempo.

Kim Yo Jong, la potente sorella di Kim Jong Un, mercoledì ha accusato queste attività dell’epidemia di COVID nel nord, giurando ritorsioni “mortali” contro Seoul.

Kim Yo Jong ha anche rivelato che lo stesso leader si era ammalato durante l’epidemia e soffriva di “febbre alta”.

La Corea del Nord ha registrato quasi 4,8 milioni di casi di “febbre” – identificando solo una frazione di questi come COVID – dalla fine di aprile, con appena 74 decessi, secondo KCNA.

Gli esperti, inclusa l’Organizzazione mondiale della sanità, hanno a lungo messo in dubbio le statistiche COVID di Pyongyang e affermano di aver tenuto sotto controllo l’epidemia.

La Corea del Nord ha uno dei peggiori sistemi sanitari del mondo, con ospedali scarsamente attrezzati e poche unità di terapia intensiva, affermano gli esperti.

Si ritiene che non abbia vaccinato nessuno dei suoi 26 milioni di abitanti, anche se potrebbe aver ricevuto alcuni vaccini dalla Cina, ha riferito il sito specializzato NK News con sede a Seoul.

Source link