Emesso il:

Sabato l’Europa sudoccidentale ha sopportato il sesto giorno di un’ondata di caldo estivo che ha innescato devastanti incendi boschivi mentre parti del continente si preparavano a nuovi record di temperatura all’inizio della prossima settimana.

Dentro i vigili del fuoco FranciaPortogallo, Spagna e Grecia hanno combattuto incendi boschivi che dall’inizio della settimana hanno devastato migliaia di ettari di terreno e ucciso diversi membri del personale.

È la seconda ondata di caldo che travolge parti del sud-ovest dell’Europa in settimane, come incolpano gli scienziati cambiamento climatico e prevedere episodi più frequenti e intensi di condizioni meteorologiche estreme.

Vigili del fuoco nella città costiera di Arcachon, nella regione francese della Gironda sud-occidentale, stavano combattendo per controllare due incendi boschivi che hanno divorato più di 10.000 ettari (24.700 acri) da martedì.

“È un lavoro erculeo”, ha detto il tenente colonnello Olivier Chavatte del servizio antincendio e di soccorso, che ha 1.200 vigili del fuoco e cinque aerei in azione.

Sabato sono stati impartiti ulteriori ordini di evacuazione per alcune centinaia di residenti, ha detto all’AFP il portavoce dei vigili del fuoco Arnaud Mendousse.

Da martedì, più di 14.000 persone in totale – residenti e turisti insieme – sono state costrette a lasciare il campo con sette rifugi di emergenza allestiti per accogliere gli sfollati.

Meteo Francia prevede temperature fino a 41 gradi Celsius (105 gradi Fahrenheit) in alcune parti della Francia meridionale domenica, e fino a 35 nel nord-ovest, con nuovi record di caldo previsti lunedì.

>> Come il cambiamento climatico sta rendendo il clima estremo un evento regolare

La Francia alla fine di sabato ha messo in allerta arancione altri 22 dipartimenti, principalmente lungo la costa atlantica, portando il totale attuale a 38.

‘Estrema vigilanza’

Le autorità delle Alpi francesi hanno esortato gli alpinisti diretti al Monte Bianco, la montagna più alta d’Europa, a rimandare il loro viaggio a causa delle ripetute cadute di massi causate da “condizioni climatiche eccezionali” e “siccità”.

La chiamata arriva dopo un tratto del più grande ghiacciaio alpino d’Italia cedette all’inizio del mese, uccidendo 11 persone, in un disastro i funzionari hanno accusato il cambiamento climatico.

In Portogallol’istituto meteorologico prevede temperature fino a 42°C senza tregua prima della prossima settimana.

La protezione civile, tuttavia, ha approfittato di un leggero calo delle temperature dopo un record di luglio di 47°C giovedì per cercare di spegnere un importante incendio rimasto nel nord del Portogallo.

“Il rischio di incendi rimane molto alto”, ha avvertito il capo della protezione civile Andre Fernandes, anche se i media hanno affermato che gli incendi sulla terraferma ancora attivi sono scesi a 11 dai 20 precedenti.

“Questo è un fine settimana di estrema vigilanza”, ha aggiunto dopo una settimana che ha visto due persone uccise e più di 60 ferite e fino a 15.000 ettari di foresta e sterpaglia inceneriti.

Il governo di Lisbona doveva decidere domenica se estendere uno stato di emergenza di una settimana.


In Spagnal’agenzia meteorologica nazionale ha mantenuto vari livelli di allerta in tutta la nazione, avvertendo fino a 44°C in alcune regioni.

Dozzine di incendi boschivi infuriavano sabato in diverse parti del paese, dal soffocante sud alla Galizia nell’estremo nord-ovest, che ha visto incendi devastare circa 3.500 ettari, ha affermato il governo regionale.

‘Patrimonio naturale in fiamme’

“Così triste vedere una parte del nostro patrimonio naturale in fiamme”, ha twittato il ministro dell’Economia e vice primo ministro spagnolo Nadia Calvino.

Un incendio nel sud ha costretto le autorità a transennare per più di 12 ore un tratto di un’autostrada chiave che collega Madrid alla capitale portoghese Lisbona, prima della riapertura della strada.

Gli incendi hanno bruciato migliaia di ettari nella regione spagnola dell’Estremadura, mentre uno vicino alla città meridionale di Malaga ha costretto l’evacuazione preventiva di oltre 3.000 persone, hanno detto i servizi di soccorso.

In Greciala protezione civile si è precipitata a spegnere le fiamme che imperversavano sull’isola mediterranea di Creta, mentre il Marocco stava combattendo un mortale incendio boschivo nelle sue montagne settentrionali.

Nel Regno Unito, i ministri del governo avrebbero tenuto colloqui di crisi dopo che l’agenzia meteorologica statale ha emesso un primo avviso “rosso” per il caldo estremo, avvertendo che esiste un “rischio per la vita”.


Il Met Office ha affermato che nel sud dell’Inghilterra le temperature potrebbero superare i 40°C lunedì o martedì per la prima volta, portando alcune scuole a dire che rimarranno chiuse la prossima settimana.

Il sindaco Sadiq Khan ha consigliato ai londinesi di utilizzare i mezzi pubblici solo se “assolutamente necessario”. Anche gli operatori ferroviari nazionali hanno avvertito i passeggeri di evitare di viaggiare.

(AFP)

Source link