Coppa Italia Frecciarossa

signore Andrea Sottil ha parlato ai microfoni di Udinese Tv per il primo impegno ufficiale stagionale, presentando la sfida alla Feralpi Salò.
Ecco le sue parole:


Mister, ci siamo dopo un precampionato arriva la prima partita ufficiale: quali le sensazioni?


“Finalmente si inizia a fare sul serio e si gioca per passare il turno: un obiettivo vero. E’ stata un’ottima settimana all’insegna del lavoro intenso, sono molto contendo della disponibilità del gruppo sin da quando sono arrivati: sono ragazzi che sanno soffrire, mi seguono e, quindi, ho ottimi riscontri. In questa settimana abbiamo fatto dei lavori diversi impostati su pressatura ed alta intensità e sono molto soddisfatto”.


Un anno fa è venuto a giocare alla Dacia Arena con l’Ascoli, domani siederà sulla panchina dell’Udinese, cosa prova?


“La vita riserva tante sorprese, lo scorso anno fu entrare emozionante in questo stadio dove, insieme ai miei compagni, sono stato protagonista per tanti anni. Adesso, sono sulla panchina dell’Udinese e un primo assaggio l’ho già avuto il contro Chelsea , ora, però, si inizia a giocare per un obiettivo concreto ed è tutto diverso. Sarà molto emozionante”.


Come sta la squadra e, soprattutto, Beto che è tornato in gruppo?


“La squadra sta bene. Abbiamo qualche acciacco di alcuni giocatori che devono ancora recuperare ma quelli disponibili stanno tutti bene. Hanno lavorato in maniera intensa. Per quanto riguarda Beto, siamo tutti contenti di rivederlo con la squadra. Per un calciatore è molto importante a psicologico. Il fatto di nuovo toccare la palla insieme ai suoi compagni, vedere la porta, provare i movimenti e fare gol ti da sensazioni positive. Sono moto contento che sia rientrato, chiaramente va gestito suo reintegro per gli allenamenti con la palla e tutto quello che facciamo sarà sempre concordato con lo staff sanitario. Oggi decideremo se domani sarà già disponibile per partire dalla panchina altrimenti ci sarà sicuramente contro il Milan”.


Come stanno Becao e Arslan, domani saranno indisponibili?


“Arslan assolutamente si ma il suo percorso di recupero procede bene. Becao sta bene, l’intervento è andato benissimo. Il naso è sgonfio, già di alcuni giorni fa individuale allenamento e spinge forte anche dal punto di vista fisico- Una volta fatta la maschera oggi, da lunedì sarà in gruppo”.


La Feralpi Salò va affrontata col massimo rispetto anche perché ha eliminato una squadra di serie B al primo turno.


“Nel calcio italiano non esistono partite facili, lo dimostra che una squadra di C elimina una di B come il Suditrol. Sarà una partita da non sottovalutare nella maniera più assoluta, questo lo ripeterò ai ragazzi. Serve massima concentrazione e massima attenzione perché giochiamo nel nostro stadio, davanti ai nostri tifosi e dobbiamo avere la fama e la caparbia per fare una grande prestazione e superare il turno contro un avversario molto organizzato. sempre, sia l’avversario. In qualsiasi panchina c’è Vecchi che è un timone competente, lo ha dimostrato nel suo percorso, saranno per fare la loro partita ma noi siamo l’Udinese e dobbiamo spingere dall’inizio alla fine e pensare a vincere, organizzati, determinati e concentrati giocando a calcio come abbiamo già dimostrato di saper fare”.


Ha già le idee chiare sulla formazione?


“Assolutamente si. Sono abituato fare gli ultimi ragionamenti nella rifinitura ma le sono ragionamenti su chi dovrà iniziare sulla partita. Conterò molto chiaro totalità del gruppo poi è chiare che ci sono dei giocatori che iniziano la partita ma con 5 cambi si possono cambiare e gestire le partite. Ho la fortuna di avere una rosa fatta di giocatori forti che possono sempre incidere sulle gare”.


Come stanno gli ultimi arrivati, Perez, che ha già giocato contro il Chelsea e conosce l’ambiente, ed Ebosse?


“Perez lo conoscete benissimo. Ho visto le sue dell’anno scorso, si tratta di un giocatore di livello che ha grandissimo entusiasmo nonostante sia ancora giovane. Dimostra grandi personalità e leadership, questo mi piace molto. Fisicamente sta bene, gli manca partite solo di la totalità dei 90 minuti ma già dopo i 45 fatti col Chelsea e la settimana di lavoro, arrivando già trovare allenato perché ha fatto la preparazione con l’Atletico Madrid, ci he è a disposizione totale. di preparazione ed ha giocato 5 amichevoli. E’ un giocatore allenato, molto bravo e duttile che può giocare sia da braccetto che da quinto, sa giocare la palla ed è molto serio ed applicato. Sono molto contento dei nuovi innesti”.


(Foto LaPresse)


www.udinese.it

Source link